Spese per attività promozionali, entro il 30 aprile è obbligatorio versare un contributo del 5,5%

dispositivi mediciEntro il 30 aprile le aziende che producono e commercializzano dispositivi medici in Italia dovranno presentare una relazione completa  sulle uscite sostenute, al netto delle spese  per il personale addetto, nel 2014 che riguardano le attività promozionali. A questa si dovrà aggiungere un versamento che corrisponde al 5,5% di quelle spese a cui si somma un 5% in più per ogni mese di ritardo del pagamento.

Tale dichiarazione dovrà essere esibita anche nel caso in cui le spese ammontino a zero, inoltre, saranno chiamati a fare lo stesso anche coloro i quali esercitano attività promozionale per presidi medico chirurgici e farmaci legati ai dispositivi medici. Qualunque attività promozionale rivolta a medici, operatori sanitari, farmacisti e dirigenti di aziende sanitarie sarà soggetta a questo provvedimento.

L’elenco che segue mostra le categorie di materiale promozionale soggetto alla dichiarazione succitata:

  • Materiale promozionale destinato a medici, operatori sanitari, dirigenti di aziende sanitarie e farmacisti come materiale cartaceo CD rom, DVD, software, consegnato dagli informatori o spedito per posta.

  • Inserzioni , pagine pubblicitarie, riviste scientifiche.

  • Campioni gratuiti di prodotto da cui sono da escludere quelli forniti obbligatoriamente in fase di partecipazione a selezioni comparate pubbliche, o forniti gratuitamente per sperimentazione e indagine clinica.

  • Gadget.

  • Congressi e convegni a fini promozionali di dispositivi medici, comprensivi di stand, materiale cartaceo  e/o multimediale distribuito e compenso per i relatori.